SDS

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
Messaggio
  • EU e-Privacy Directive

    This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

    View e-Privacy Directive Documents

Home Comunicati Chirurgia robotica: a Grosseto due interventi all’avanguardia su fegato ed esofago

Chirurgia robotica: a Grosseto due interventi all’avanguardia su fegato ed esofago

E-mail Stampa PDF

Si tratta di una paziente affetta da un tumore benigno del fegato e di un uomo affetto da tumore maligno dell’esofago.

Due interventi di chirurgia robotica all’avanguardia, eseguiti all’ospedale Misericordia di Grosseto dal dottor Andrea Coratti, direttore dell’Area Chirurgica, e dalla sua équipe. Due interventi che, anche nei centri specializzati, vengono eseguiti abitualmente con tecnica chirurgica tradizionale, molto più invasiva, con maggiori rischi di complicanze post operatorie, degenza più lunga e, soprattutto un recupero molto più lento delle condizioni di normalità.

Nel primo caso è stata eseguita l’asportazione di una parte del fegato, su una donna di 38 anni, proveniente da Siena, affetta da un angioma di oltre 16 centimetri sul lato destro dell’organo. “In genere queste patologie benigne non vengono trattate chirurgicamente – spiega Andrea Coratti – a meno che la crescita eccessiva non determini la comparsa di sintomi e disturbi. Lesioni così grandi, tuttavia, vengono solitamente operate a cielo aperto anche nei grossi centri dedicati alla chirurgia epatica e non con tecniche mininvasive come avvenuto a Grosseto. In questo caso, l’utilizzo del robot ha consentito l’asportazione di circa il 60 per cento del fegato, riducendo al minimo le perdite ematiche, tant’è che la paziente non ha avuto bisogno di trasfusioni, né del risveglio in terapia intensiva. L’accesso chirurgico è stato ridotto a 5 piccole incisioni cutanee, inferiori ad 1 centimetro, oltre ad una piccola incisione sovrapubica per l’asportazione dell’organo che, in seguito,  non sarà visibile. La degenza è stata di soli 4 giorni, un tempo impensabile nel caso di un intervento con tecnica tradizionale, con una rapida ripresa delle condizioni di salute della donna”.

Il secondo caso, ha riguardato un uomo di 67 anni, proveniente da Siena, affetto da un tumore maligno dell’esofago. Anche in questo caso, se trattato con tecnica chirurgica classica, il paziente avrebbe subito con un intervento combinato su torace e addome, con una duplice apertura. “Utilizzando il robot , invece – aggiunge Andrea Coratti – abbiamo potuto operare con tecnica mininvasiva sia il torace che l’addome; inoltre non è stato necessario asportare tutto l’esofago fino al collo, ma è stata possibile una sutura tra stomaco ed esofago residuo all'interno del torace. Il robot ha inoltre consentito di lavorare sul torace chiuso, tant’è che il paziente è uscito dalla sala operatoria con 5 piccole incisioni sull’addome e 3 sul torace, una piccola incisione per l'estrazione  dell’esofago. È rimasto in terapia intensiva circa 12 ore; il successivo decorso postoperatorio è stato regolare, seppure prolungato da un versamento pleurico”.

 

 

SDS COLLINE METALLIFERE


Amministrazione trasparente

Anticorruzione

sdscollinemetallifere@pec.it

Privacy

Speciale migranti